Evan Rachel Wood testimonia di numerosi stupri in un potente discorso al Congresso

Tempo's Up

Westworld star Evan Rachel Wood sta usando la sua esperienza di abuso sessuale straziante per aiutare altre vittime.

Martedì a Capitol Hill, l’attrice e attivista è apparsa davanti alla Sottocommissione giudiziaria della Camera su Crimine, Terrorismo, Sicurezza interna e Indagini con altre tre donne per testimoniare della sua esperienza con l’assalto. Il loro obiettivo: far sì che il Congresso attui la legge sulla protezione dei diritti sessuali degli assalitori sessuali 2016 in ogni stato, non solo a livello federale. Il disegno di legge salvaguarda i diritti dei sopravvissuti, con regolamenti che impediscono alle vittime di pagare per i kit di stupro e per garantire che le prove forensi siano preservate.

Nel suo discorso, ha dettagliato non solo che ha subito abusi sia sessuali che domestici, ma che il suo abuso ha portato a PTSD, depressione e dipendenza.

Evan Rachel Wood Embed
Bill Clark / CQ Roll Call

“Sono qui oggi per usare la mia posizione di artista, sopravvissuta, madre e difensore per portare una voce umana alla popolazione di 25 milioni di sopravvissuti negli Stati Uniti che attualmente stanno vivendo disparità sotto la legge e che hanno un disperato bisogno di diritti civili di base “Iniziò.

Wood è apparso accanto ad Amanda Nguyen e Lauren Libby, dall’organizzazione no-profit Rise, e Rebecca O’Connor, vicepresidente della RAINN (Rape Abuse National Network). Rise, che lavora per sostenere i sopravvissuti alle violenze sessuali, ha aiutato a superare il suddetto disegno di legge nel 2017 in California, Idaho, Maryland, Massachusetts, Oregon, Utah, Vermont, Virginia e Washington.

In precedenza, Wood ha aperto la sua esperienza e fu tra i primi a supportare il movimento #MeToo.

Le sue osservazioni di apertura offrivano dettagli grafici di ciò che accadeva.

“È iniziato lento ma ha subito un’escalation nel tempo, comprese minacce contro la mia vita, severo gaslighting e lavaggio del cervello, [e] svegliarsi con l’uomo che sosteneva di amarmi violentando ciò che credeva fosse il mio corpo inconscio e la parte peggiore: rituali malati di legarmi con le mie mani e i miei piedi per essere torturato mentalmente e fisicamente fino a quando il mio violentatore ha sentito che avevo dimostrato il mio amore per loro.

Nel questo momento, essere legato, essere picchiato e detto cose indicibili, mi sentivo davvero come se potessi morire. Non solo perché il mio aggressore mi ha detto: “Potrei ucciderti adesso”, ma perché nel in quel momento mi sono sentito come se avessi lasciato il mio corpo e avevo troppa paura di correre. Mi avrebbe trovato. “

Inoltre, Wood ha spiegato come essere vittima porta spesso a subire abusi in altre forme.

“Sette anni dopo il mio stupro-plurale-mi è stato diagnosticato un PTSD a lungo termine, con cui avevo vissuto tutto quel tempo senza conoscenza delle mie condizioni. Pensavo semplicemente che stavo impazzendo. Ho lottato con l’autolesionismo fino al punto di due tentativi di suicidio, che mi hanno portato in un ospedale psichiatrico per un breve periodo di tempo, ma è stato un punto di svolta nella mia vita quando ho iniziato a cercare un aiuto professionale per affrontare il trauma e lo stress mentale, ma altri non sono così fortunati e, a causa di questo stupro, è spesso più di qualche minuto di trauma, ma una morte lenta “.

Ha concluso spiegando che c’è ancora molto da fare. “[Questo disegno di legge è] il riconoscimento dei diritti civili di base per i sopravvissuti all’assalto sessuale e serve come primo passo”, ha detto Wood. “È una rete di sicurezza che può aiutare a salvare la vita di qualcuno un giorno.”

Guarda la testimonianza completa qui:

L’udienza ha seguito l’uscita di un video per Funny or Die in cui Wood, Kelly Marie Tran e Da’Vine Joy Randolph hanno assunto satiricamente gli abusi sessuali sistematici contro le donne. “Sfortunatamente, l’assalto sessuale non è un gioco”, dice Wood.

Like this post? Please share to your friends:
Leave a Reply

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

11 − 7 =

map