Come Silent Discos sta reinventando il clubbing, una coppia di cuffie alla volta

Sono le otto e trenta di domenica sera a Midtown Manhattan, e mentre il resto della città si sta calmando, 100 festaioli stanno appena iniziando la festa – ma fanno appena rumore. Alla mia sinistra, una folla di persone con le cuffie che irradiano di verde fluorescente si gira furiosamente mentre parla con il coro di “Rather Be” di Clean Bandit. Dritto in avanti, un cerchio significativamente più piccolo con le cuffie di colore rosso acceso canticchia l’aggancio a “Papa’s Got a Brand New Bag” di James Brown. E tutt’intorno, un imperdibile mare di blu fa il dougie al grande successo di Cali Swag District “Teach Me Come Dougie. “Tre minuti dopo, le canzoni sono cambiate, grazie a un trio di DJ che presidiano tre stand distinti, e così anche il rapporto dei colori.

Sono, naturalmente, a una festa tranquilla. Per chi non lo sapesse, una festa tranquilla, o “discoteca silenziosa” come sono diventati famosi, è un’esperienza sociale surreale in cui le persone ballano alla musica tramite cuffie wireless distribuite. Al posto di un sistema di altoparlanti unificato, tre diversi brani vengono inviati simultaneamente a ciascun ricevitore. I partecipanti possono scegliere di ascoltare un canale o passare da una stazione all’altra. “Le persone controllano il DJ, non il contrario”, afferma William Petz, fondatore e CEO di Quiet Events, un servizio di noleggio di attrezzature per feste con sede a New York e società di gestione eventi. “Non è necessario trovare amici che amano uno specifico genere. Hai la possibilità di ascoltare tutti i diversi tipi di musica alla stessa festa. “

CORRELATO: 4 lezioni di vita che abbiamo imparato dai cocktail con Icona Pop

Silenzioso Clubbing
Travis W Keyes

Una festa al coperto settimanale tenuta da Quiet Events a Studio Square nel Queens, New York.

Anche se le discoteche silenziose sono in circolazione da quasi 20 anni, negli ultimi mesi c’è stata una crescita significativa della popolarità. Il concetto è stato originato dagli eco-attivisti nei primi anni ’90 come uno sforzo per ridurre al minimo l’inquinamento acustico, e divenne noto nel 2005 quando fu presentato al Bonnaroo Music Festival. Per un lungo lasso di tempo, le parti sono state relegate a feste di magazzino sotterranee e eventi all’aperto nelle aree rurali. Ora, i più importanti festival musicali, tra cui Coachella, Bonnaroo e Governors Ball, hanno designato palchi silenziosi, e ci sono una manciata di compagnie, tra cui Quiet Events, che stanno producendo esperienze per il pubblico mainstream.

L’aspetto silenzioso ha sicuramente i suoi vantaggi. Per prima cosa, i frequentatori di feste non solo controllano la canzone, ma controllano il volume, così da evitare lo spiacevole danno all’orecchio che viene dopo una lunga notte di feste. Inoltre, non devono preoccuparsi di perdere la voce urlando ad un’altra persona nel tentativo di essere ascoltati. A una festa silenziosa, se vuoi avere una conversazione, puoi togliere le cuffie e fare una conversazione. “È un rompighiaccio istantaneo”, aggiunge Petz. “Se vedi qualcuno che ascolta una canzone che stai ascoltando, puoi iniziare un dialogo.” E c’è una grande quantità di interazione da avere: Quiet Events ospita da tre a quattro eventi a settimana, e altri da cinque a dieci per il quale forniscono attrezzatura per il noleggio. Alcuni ospitano fino a 2.000 persone.

RELATED: Jordin Sparks parla di ispirazione, consigli sulla vita e altro ancora InStyle Chiacchierare

Silenzioso Clubbing
Cortesia

Cuffie di Quiet Events. Ogni colore indica una canzone diversa.

Quindi, chi frequenta abitualmente una discoteca silenziosa? Secondo le statistiche di Quiet Events, il loro mercato di riferimento è costituito da giovani professionisti tra i 25 ei 37 anni. Ma alcuni eventi pubblici di grande formato comprendono una fascia di età più ampia. Il raduno di domenica sera era un salutare mix di ventenni, coppie e persino famiglie. Michelle Debuccio, in visita in città dal Texas, era lì a ballare con i suoi tre figli adolescenti al seguito. Moshe Hamaoui, un ingegnere di Long Island, stava partecipando al suo secondo evento tranquillo in due settimane, e ne pubblicizzò i benefici. “Puoi scegliere la tua musica, e c’è più spazio per muoversi”, dice. “Con più spazio, tendi a ballare più pazzamente e ad avere più divertimento.”

“È una festa di ballo di tutti”, afferma Castel Valere-Couturier, fondatore di Sound Off, un’altra compagnia di eventi silenziosi di New York. “La maggior parte delle volte le persone sono separate dai loro gusti musicali quando escono. Siamo in grado di riunirli tutti dando loro la possibilità di scegliere la loro canzone direttamente sulla loro cuffia. “Solo due settimane fa, la DJ, la modella e l’imprenditrice del fitness Hannah Bronfman hanno supervisionato la sua prima discoteca mai StyleWatch e la festa di Revolve per celebrare il numero di moda autunnale della rivista mensile sulla High Line di N.Y.C. “Devo essere iper-consapevole della musica e delle transizioni”, dice. “Non sono mai stato su entrambi i lati di una discoteca silenziosa, quindi è sicuramente una nuova esperienza, ma divertente.” Per tutta la durata del suo set, se le cuffie di nessuno sono state illuminate da una particolare canzone, Bronfman ha saputo cedere dalla sua playlist.

Silenzioso Clubbing
Cortesia

Un matrimonio da discoteca silenzioso ospitato da Sound Off.

La selezione musicale delle discoteche mute spazia dagli anni ’80 del New Wave ai primi 40, e l’impostazione è stata variata in egual misura. Le persone hanno noleggiato attrezzature per matrimoni, bar e bat mitzvah, compleanni, film all’aperto, persino conferenze alle Nazioni Unite, dove ogni canale ha una lingua diversa. Sound Off ha aperto la strada all’uso della loro tecnologia per cuffie per eventi speciali di fitness e di marketing esperienziale. E con l’avvento dei social media, sempre più persone vengono introdotte all’esperienza. “La curiosità dall’altra parte del telefono è la stessa di chiunque altro non abbia le cuffie”, afferma Valere-Couturier. “Vogliono sapere come possono entrare nel divertimento.” Aggiunge Petz: “È diverso, unico e un po ‘bizzarro, ma ti rendi conto che è la festa migliore che tu abbia mai visto.”

FOTO: Song I Have on Repeat: “Tilted” di Christine and the Queens

Like this post? Please share to your friends:
Leave a Reply

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

95 − = 89

map